Galatina: quello che molti non sanno

thumbnail_img-20170105-wa0017-1

A differenza del caldo torrido dei mesi estivi, questa volta il Salento mi ha accolto con freddo e gelo, forse per far sì che respirassi meglio l’atmosfera natalizia, nel rispetto di vive tradizioni e autentici valori. Galatina, cittadina di quasi 30mila abitanti dell’entroterra salentino, ingiustamente tagliata fuori dal turismo di massa estivo, è ora definitivamente entrata nel mio cuore, forse perché del mio cuore ne custodisce un bel pezzo.

thumbnail_20170104_124152-1

Non tutti sanno che è proprio qui che nasce il pasticciotto, dolce salentino per eccellenza. Dal 1745, il laboratorio Ascalone lo produce e ne tramanda la ricetta di generazione in generazione. Fino a qualche tempo fa, era addirittura proibito trasportare il tipico dolce per lunghi tragitti, poiché i titolari temevano che durante il trasporto potesse danneggiarsi la sua originaria consistenza. Pare che durante un viaggio nella provincia di Lecce, anche papa Giovanni Paolo II rimase folgorato dalla bontà del pasticciotto “dellu ‘Scalone”.

thumbnail_img_20160826_214602

Varie leggende narrano che le donne pizzicate dalla taranta, il velenoso ragno, entravano in uno stato di trance e riuscivano a liberarsi dal veleno solo ballando la pizzica. San Paolo diede ad un galatinese il potere di guarire dal morso della taranta, per cui, tutti coloro che venivano posseduti si recavano dinanzi la parrocchia di San Paolo a Galatina per ballare ed ottenere la grazia. Dunque, la nascita dei fenomeni di tarantismo è proprio legata alla città di Galatina.

thumbnail_img-20170105-wa0022-1

Esempio lampante di arte gotico-romanica in Puglia, c’è chi dice che per cicli pittorici, in Italia, la Chiesa di Santa Caterina è seconda solo alla basilica di San Francesco d’Assisi. Al suo interno presenta infatti affreschi della scuola giottesca. La leggenda narra che Raimondello Orsini del Balzo, di ritorno da una crociata, baciando la mano a Santa Caterina per renderle omaggio, le staccò un dito. La reliquia è conservata nella Chiesa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...